Dove?

Dove sono i tuoi gesti?

Dove le tue mosse veloci,

quel sorridere largo

tra ciglia lunghe?

Quell’esserci, presente, pronto ad avvolgere?

Quel tuo modo di curarti del lato più nascosto delle persone?

Dove quel fare istrionico?

Dove gli scherzi e la voglia di ridere?

Dove la voce calda e le mani forti?

Dove le camicie a scacchi, le scarpe mai allacciate?

Dove i silenzi e le ombre?

Dove tutto questo te che non mi riesce di pensare non accanto?

Dove i sogni e le certezze?

Ho in mano briciole.

Briciole di briciole e qualche vaga sensazione.

Ma sono persa.

E sfiancandomi di cose consuete mi perdo ancora un po’.

Tutto come prima. Ma diverso.

Come ovattato, distante, quasi irreale.

E sempre la stessa domanda che non smette di tormentare.

smarrimento